El Combattimento Spirituale y la vía de la perfección cristiana

In che consista la perfezione cristiana?
Per acquistarla bisogna combattere.

Prima di iniziare la via della perfezione, bisogna sapere che cosa è la perfezione, in che cosa consista.
La perfezione NON consiste in:

  1. rigore,
  2. macerazione della carne,
  3. cilizi,
  4. flagelli,
  5. lunghe veglie,
  6. digiuni,
  7. partecipazione a parecchie messe,
  8. molte preghiere vocali
  9. manutenzione del silenzio.
  10. Sono o mezzi per acquistare perfezione,
    o sono frutti dello spirito.

    “Mentre sono intenti solo in esse [queste pratiche] abbandonano il cuore in mano alle inclinazioni e al demonio occulto, il quale, vedendo che questi già sono fuori del retto sentiero, li lascia… continuare… suddetti esercizi…, se Dio, per ridurli alla vera conoscenza di se stessi e sulla strada della perfezione, manda loro travagli e infermità o permette persecuzioni…, allora scoprono il loro falso fondo e l’interno corrotto e guasto a causa della superbia…, avendo l’occhio interno ottenebrato e mirando con quello se medesimi e le azioni esterne che sono buone, si attribuiscono molti gradi di perfezione…”

    “Assai più agevolmente si converte e si riduce al bene il peccatore pubblicano, anziché quello occulto e coperto con il manto delle virtù apparenti”.

    La Perfezione consiste in:

    1. Conoscenza della bontà di Dio e della nostra nullità e inclinazione a ogni male;
    2. amare Signore;
    3. odio di noi stessi;
    4. sottomissione a Dio e a ogni creatura per amor Suo;
    5. rinuncia a ogni nostro volere;
    6. totale rassegnazione al Suo beneplacito;
    7. fare tutto questo per piacere a Lui.

    Per acquistare tutto questo, devi intraprendere un continuo e asprissimo combattimento spirituale.

    “La corona si dà a quello che combattono valorosamente”.

    “Se tu attenderai a calpestare e a dar morte a tutti i tuoi disordinati appetiti, desideri e voglie ancorché minime, renderai maggior piacere e servizio a Dio che se, tenendo alcune di quelle volontariamente vive, ti flagellassi fino al sangue e digiunassi più degli antichi eremiti e anacoreti o convertissi al bene migliaia di anime”.

    Hno. Aleksander Iwaszczonek, C. R.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *