El Combattimento Spirituale, fuente de la formación teatina

Compartimos, a través de este espacio, un comentario que ha realizado el hermano Aleksander Iwaszczonek, C. R., profeso solemne de la provincia teatina del «Bambino Gesù», en Italia. Dicho comentario expresa brevemente una consideración acerca del lugar que debería tener el Combattimento Spirituale (traducción española, “Combate espiritual”), texto del padre Lorenzo Scupoli, C. R., en la formación del clérigo regular teatino.

Con la publicación de este comentario iniciamos una serie de envíos en los cuales presentaremos distintos aspectos del análisis que el hermano Aleksander hace respecto del Combattimento Spirituale. Dios quiera que sea una pequeña siembra que a su tiempo dé el fruto anhelado.

Il Combattimento Spirituale, come già si è detto all’inizio, si presenta come un manuale sia della spiritualità teatina, sia come il compendio della formazione personale e quella comunitaria. A tal punto diventa indispensabile riprendere l’antichissima tradizione già segnalata dal Padre Generale Francesco Carafa, il quale nel 1656 dichiarava il Combattimento Spirituale del venerabile Lorenzo Scupoli come l’icona della spiritualità teatina! Ricordando ai Padri che lo tenessero

“sempre pronto per valersene di guida spirituale per loro stessi e per indirizzo di quelle anime che dovranno istruire per la perfezione, come con gran profitto si è praticato” (25.XII.1656).

Nel 1661 con la lettera circolare del 15 gennaio il padre generale Agostino Bozomo ricordava che il Combattimento è

“il libro proprio dei teatini”!

Quanti tra gli odierni teatini sanno a memoria il Combattimento, come lo raccomandava già il venerabile Carlo Tomasi a san Giuseppe Maria Tomasi dicendo che

“lo mandi a memoria, che questo è il libro proprio dei teatini”

?

Perché noi oggi non facciamo i nostri esercizi spirituali secondo il Combattimento Spirituale, così come lo raccomandava il Padre Generale Pietro Nobilione nel 1669, e come lo facevano i teatini dal 1672 grazie alle direttive del Generale P.D. Gaetano Garimberti?

Al mio parere è arrivato il tempo giusto per riprendere queste sane e santificanti abitudini propri del nostro Ordine, vedendo che anche i teatini odierni hanno riaffermato l’attuale validità di “manuale della nostra spiritualità” del Combattimento Spirituale (cf. E. J. Gómez, Lettera circolare del Padre Generale del 3 gennaio 1989).

Hno. Aleksander Iwaszczonek, C.R.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *